SEI IN > VIVERE VICENZA > CRONACA
articolo

Scoperto e denunciato evasore totale che ha nascosto redditi per circa 300 mila euro e intascato indebitamente il reddito di cittadinanza

2' di lettura
18

Nei giorni scorsi i Finanzieri del Comando Provinciale di Vicenza hanno segnalato alla locale Procura della Repubblica un lavoratore autonomo – attivo nel settore edile – risultato essere “evasore totale” in quanto non ha presentato, a partire dal 2016, le previste dichiarazioni fiscali ai fini delle imposte dirette e dell’IVA occultando, complessivamente, un ammontare di ricavi per circa 300 mila euro.

Le attività di polizia economico-finanziaria sono state condotte dalla Compagnia di Schio che, grazie ad una meticolosa attività d’intelligence - unita al bacino di informazioni reperite attraverso approfondimenti condotti con l’ausilio delle banche dati in uso al Corpo - è riuscita ad individuare il professionista nei cui confronti è stata avviata un’attività ispettiva a partire dall’anno d’imposta 2016.

Le indagini di polizia economico-finanziaria sono stata condotte tramite una metodologia di accertamento induttivo, attesa la mancata esibizione – senza alcuna giustificazione – delle fatture attive e passive nonché di tutti i libri e registri obbligatori previsti dalla normativa. I militari hanno quindi ricostruito il profilo reddituale del lavoratore che risulta aver nascosto all’Erario i ricavi conseguiti nell’alveo della propria attività lavorativa.

Inoltre, i finanzieri scledensi, operando con il canonico approccio di tipo trasversale, hanno rilevato l’indebita percezione del c.d. Reddito di Cittadinanza: in particolare, gli ulteriori accertamenti info-investigativi hanno permesso di evidenziare come il soggetto attenzionato abbia presentato nella Dichiarazione Sostitutiva Unica – correlata al calcolo dell’ISEE che serve ad accedere alle cd. prestazioni sociali agevolate – informazioni non veritiere per quanto concerne i redditi prodotti con la propria attività lavorativa, in virtù delle constatazioni formulate dai militari con la pregressa attività di carattere fiscale.

Complessivamente, pertanto, il soggetto risulta aver indebitamente percepito - per circa due anni - il citato beneficio assistenziale per un importo superiore a 13 mila euro.

All’esito delle attività poste in essere, il responsabile è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Vicenza per il reato di occultamento di documentazione contabile nonché per il reato di indebita percezione del reddito di cittadinanza. Parallelamente, è stata inviata apposita segnalazione all’INPS di Vicenza per il recupero delle somme indebitatamene erogate e, altresì, all’Agenzia delle Entrate per il formale accertamento e la successiva riscossione delle imposte evase.

L’operazione delle Fiamme Gialle di Vicenza costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio assicurato dalla Guardia di Finanza che, facendo leva sulle peculiari funzioni di polizia economico-finanziaria attribuite, riesce ad operare trasversalmente, sotto il profilo tributario e penale, al fine di contrastare sia i fenomeni di evasione fiscale sia quelli relativi all’indebito accesso a prestazioni sociali agevolate, in modo da tutelare il bilancio nazionale evitando, in tal senso, il dispendio di risorse a beneficio di soggetti non aventi diritto.



Questo è un articolo pubblicato il 22-04-2024 alle 09:55 sul giornale del 23 aprile 2024 - 18 letture






qrcode